Stampa

Realizzare uno stampo in gesso

Scritto da fabio. Postato in tutorial

Questo breve tutorial illustrerà come realizzare uno stampo in gesso, che ci permetterà 06di riprodurre muri archi case e ponti al di fuori del classico standard che si trova nei negozi di modellismo.

 

Vi ricordiamo che questo primo tutorial è pubblico, e lo resterà per un certo periodo, dopodichè potrete accedere ai tutorial e ai photofile soltanto dopo esservi registrati ed aver effettuato la login. 

Per realizzare uno stampo in gesso bisogna innanzituto pensare a come impostare il lavoro. Ci troveremo infatti di fronte a cose che possono sporgere o possono essere rientrate rispetto al piano principale. Come comportarsi per realizzare lo stampo per la colata?.  Il trucco c'è, è sufficiente  pensare ad un negativo…se vogliamo creare un dislivello tra la colonna ed il muro ad esempio di 1 mm basta rivestire con plasticard da 1mm tutto il resto lasciando lo spazio dove verrà colato il gesso libero (vedi fig. 1),  schizzo1
in questo modo quando coleremo il gesso esso si depositerà nello spazio lasciato libero (vedi fig. 2) schizzo2
dando un rilievo rispetto al resto del muro di 1 mm (vedi fig. 3). schizzo3

Per realizzare lo stampo sono solito usare i fogli di plasticard, sia per la facilità di creare rilievi come sopra descritto semplicemente incollando altri fogli, sia per la grande varietà di materiale disponibile (es. si possono ricreare anche degli incavi incollando sezioni mezze tonde o quadrelli ecc.). Inoltre il plasticard si può testurizzare sia con carta abrasiva che con colla liquida (es. un muro intonacato) ed è facile da scollare una volta asciutto il gesso che vi abbiamo colato, favorendo l'uscita dello stampo. Infine, e non è poco, si ricicla per altri stampi.

Personalmente parto sempre da un disegno su carta sul quale mi scrivo tutte le quote, sia in altezza che in larghezza e soprattutto la profondità (ricordate il negativo). Riporto le stesse sul foglio di plasticard, e secondo la profondità ritaglio le sezioni di plasticard e le incollo con una punta di colla liquida ai bordi. Evitate di incollare tutto il pezzo, ma solo i bordi perchè cosi facendo potrete riutilizzarlo per altri stampi. Una volta terminata la base, provvedo ad alzare le sponde, segnando all'interno delle stesse con una matita il punto di spessore del gesso. In fase di colata infatti saprò dove fermarmi evitando di andare troppo oltre e dover quindi ricorrere alla carta abrasiva per sfinare il pezzo (ad esempio voglio realizzare un muro spesso 2cm, farò delle sponde di 3cm ma segnate dalla base a 2cm e colerò il gesso fino a tale misura). Fatto questo non ci rimane che colare il gesso;io uso gesso "scagliola", comune gesso che si trova in tutti i ferramenta; personalmente lo faccio abbastanza liquido, i tempi di asciugatura saranno maggiori, ma si evitano parecchie bolle. Quando il gesso ha tirato (anche se non è completamente asciutto) potrete togliere l'armatura di plasticard facendo molta attenzione e lasciate asciugare lo stampo fin quando diverrà di colore completamente bianco e se tracciate una riga con un taglierino (fatelo su una parte non visibile) deve prodursi della polvere, solo allora il gesso sarà lavorabile per la scultura...ma questo è un altro tutorial.

 

per qualsiasi info scrivete a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.