Stampa

JSU 152 ZVEROBOY

Scritto da Roberto. Postato in HSSworkbench by t-roby

Il primo affusto semovente pesante di artiglieria sovietico fu il SU-152. Esso apparve per la prima volta nel 1943 e venne02 costruito sullo scafo del carro pesante KV-2. Quando la serie di carri KV venne sostituita nella produzione da quella JS, anche quest'ultima venne impiegata nel ruolo semovente SU.

La trasformazione seguì strettamente quella dell'originario SU-152 e, quando basato sulla serie JS, il mezzo trasformato venne chiamato JSU-152. All'osservatore il SU-152 e l'JSU-152 apparivano esteriormente identici, ma l'JSU-152 montava un obice più moderno chiamalo ML-20S (con 20 colpi al seguito), che tecnicamente era un cannone/obice molto pesante, specie alle distanze di attacco della dottrina tattica sovietica. L'arma era protetta da un cassone corazzato costituito da piastre inclinate di spessa corazza e provvisto di ringhiere attorno al bordo del tetto allo scopo di favorire la "discesa dal carro" della fanteria trasportata in azione a bordo del veicolo. Lo spessore massimo della corazza era di 75 mm.

 

Gli JSU ebbero un difetto, fu la mancanza di spazio interno per lo stivaggio delle munizioni; essi dovevano avere perciò permanentemente al seguito veicoli corazzati per il trasporto delle munizioni, il che spesso costituiva un fatto rischioso. Le armi pesanti installate sui veicoli JSU furono considerate di grande valore nel sostegno diretto alle divisioni corazzate e di fanteria motorizzata ed entrambi i tipi continuarono ad essere impiegati ancora per qualche anno dopo la guerra.